Tecnologia, lavoro e classe – ciclo di incontri a Roma

Se da una parte osservare il progresso tecnologico può suscitare in noi un certo fascino, dall’altra non possiamo evitare di vederne evidenti contraddizioni. La tecnologia e il suo rapido avanzamento non sono infatti uno strumento neutro, in quanto sono inseriti direttamente nel processo di valorizzazione capitalistico e giocano un ruolo strategico all’interno della competizione globale.

Il ciclo d’iniziative “Tecnologia, Lavoro e Classe” nasce dall’esigenza di avviare collettivamente un ragionamento sulle evoluzioni tecnologiche che stiamo vivendo e sull’influenza che queste hanno sulla società. Non si tratta di tifare contro o a favore del progresso tecnologico, quanto piuttosto di capirne gli effetti sulle condizioni di lavoro, riprendendo inoltre il dibattito sull’aumento della disoccupazione dovuta all’automatizzazione dei processi produttivi.

https://www.facebook.com/events/156820218481292/

+++Appuntamenti++++++++++++++++++++++++++++++++++++

==>12 aprile ore 16:00
Aula 2, facoltà di ingegneria Sapienza, via Eudossiana 18

AUTOMAZIONE E DISOCCUPAZIONE TECNOLOGICA
Riflessioni su Industria 4.0: trasformazioni dei processi produttivi e ricadute sul mondo del lavoro a partire dall’ opuscolo di Noi Restiamo Automazione e disoccupazione tecnologica (http://noirestiamo.org/2017/01/31/automazione-e-disoccupazione-tecnologica/)

Con Francesco Piccioni (giornalista Contropiano), Luciano Vasapollo (professore Sapienza) e collettivo di economisti Coniare Rivolta

==>19 aprile ore 16:00
Aula 5 facoltà di economia Roma Tre, via Silvio d’Amico 77

LAVORO MENTALE E CLASSE OPERAIA
Dibattito su una lettura marxista di internet e sull’appropriazione di valore nel mondo della conoscenza a partire dal testo di Guglielmo Carchedi “Sulle Orme di Marx”

Con Paolo Trabucchi (ricercatore universitario), Mauro Casadio (Rete dei Comunisti) e FGCI – Federazione Giovanile Comunista Italiana

==>26 aprile ore 18:00
Via dello Scalo San Lorenzo 77

TECNOLOGIA E CONTROLLO SOCIALE
Discussione sulle nuove forme corcitive nell’ immaginario collettivo e nei luoghi di lavoro

Con Renato Curcio (saggista e sociologo) e collettivo Clash City Workers

++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++