In piazza a Barcellona verso il primo ottobre

Oggi siamo stati in piazza nella manifestazione giovanile della sinistra indipendentista catalana, al fianco del processo di indipendenza per una rottura sociale e politica del popolo catalano contro le oligarchie della borghesia nazionale ed europea. Migliaia di persone sono scese in piazza nella manifestazione della sinistra indipendentista per ribadire con determinazione la necessità di una indipendenza senza compromessi. Una indipendenza

Continua a leggere

Tre giorni di solidarietà e dibattito in Catalogna

I prossimi tre giorni ci vedranno impegnati a Barcellona in diverse iniziative, a partire da sabato 9 settembre con la partecipazione al dibattito internazionale “Les universitats d’Europa davant el Referèndum. Autodeterminació. Ruptura. Solidaritat internacional”; il 10 settembre con una nuova riunione delle realtà studentesche aderenti al “Forum to Fight”, dopo l’edizione ospitata a Roma in aprile; e l’11 settembre con

Continua a leggere

Appelllo per il 9 settembre: Indipendenza e conflitto. Riprendiamoci spazi e parola

CONCENTRAMENTO IN PIAZZA DELL’UNITA’ ORE 14.30 Lo sgombero manu militari di Labas e Crash testimonia con efficacia la deriva autoritaria che investe il paese nel suo complesso. La repressione che colpisce militanti, realtà sociali e politiche antagoniste è l’altro volto delle politiche d’austerità, portate avanti da anni da parte del Partito Democratico, che pretendono di liquidare lo stato sociale cancellando

Continua a leggere

Fuori la NATO dall’università

L’Università di Parma firma una convenzione con la NATO. Un nuovo segnale inquietante, ma di certo non isolato, dell’intreccio sempre più forte tra ricerca e istituzioni militari. Dal recente caso di collaborazione tra l’Ufficio Scolastico Regionale Emilia Romagna e il locale Comando Militare dell’Esercito nell’ambito dell’Alternanza Scuola-Lavoro – https://urly.it/220tk – ai finanziamenti Europei per lo sviluppo di tecnologie militari presenti

Continua a leggere

Comunicato congiunto sulla repressione vista nuovamente oggi a Bologna

Bologna oggi si è svegliata più povera e grigia, sapendo che le istituzioni che la governano segnano un nuovo, vergognoso, passo in avanti nella gestione repressiva gestione repressiva del dissenso e dell’autorganizzazione. Quanto sta accadendo quest’oggi in città ci riempie di incredulità e rabbia: gli sgomberi contemporanei di Làbas e Laboratorio Crash, due centri sociali da anni inseriti nel tessuto

Continua a leggere

2 agosto 1980 – 2017: noi non dimentichiamo

Le ombre mantenute dagli apparati dello Stato intorno alla strage di Bologna hanno ancora molto da insegnarci, e oggi vogliamo sottolinearne un aspetto evidenziato ieri da Contropiano. ” […] Nei primi anni 2000 alcuni giornali cominciarono a “pompare” la cosiddetta “pista palestinese” in contemporanea con la campagna “innocentista” a favore dei due condannati come colpevoli della strage: Giusva Fioravanti e

Continua a leggere

Alternanza scuola-lavoro: dal ricatto alla violenza

Da mesi ormai è noto a tutti cosa implica il percorso della cosiddetta “alternanza scuola-lavoro” previsto dalla legge 107: centinaia di ore sottratte allo studio per gli studenti dell’ultimo triennio delle scuole superiori per lavorare gratuitamente presso aziende ed enti pubblici. Un’attività, è bene ricordarlo, resa obbligatoria ai fini del conseguimento del diploma di maturità: al datore di lavoro (o

Continua a leggere

All’armi! Siam studenti… Se l’alternanza scuola lavoro si fa anche nell’esercito

Da quando la riforma renziana della scuola ha istituito la famigerata alternanza scuola-lavoro, si sono moltiplicate le cronache che raccontano quanto questa non sia altro che l’ennesima ottima scusa per fornire manodopera a costo zero alle imprese italiane, felici di avere un modo per abbassare ulteriormente il costo del lavoro. Una riforma, insomma, perfettamente in linea con gli assetti attuali

Continua a leggere

Bologna. Le istituzioni fanno le pentole ma non i coperchi

Durante l’anno scolastico appena conclusosi associazioni cattoliche integraliste in difesa della famiglia, appoggiate anche da organi della Curia, giornali di destra e movimenti fascisti come Forza Nuova hanno portato avanti una campagna di intimidazione contro l’apertura degli spazi pubblici scolastici ad attività culturali riguardanti l’educazione all’affettività e alla sessualità, colpendo sistematicamente le maestre delle scuole elementari di San Pietro in

Continua a leggere

Il “rimbalzo” degli immatricolati: dove va l’università italiana?

Dopo un decennio di calo costante di iscrizioni, le immatricolazioni all’università negli ultimi due anni sono tornate a crescere. Nell’ultimo anno accademico 2016/2017, si sono immatricolati in poco più di 283.000, un aumento di 12.000 unità rispetto all’anno precedente, che già aveva fatto comunque segnare una crescita rispetto al 2014-15. Tutto bene quindi? Insomma. In economia lo chiamerebbero “rimbalzo”, termine

Continua a leggere
1 2 3 4 21