2 agosto 1980 – 2017: noi non dimentichiamo

Le ombre mantenute dagli apparati dello Stato intorno alla strage di Bologna hanno ancora molto da insegnarci, e oggi vogliamo sottolinearne un aspetto evidenziato ieri da Contropiano. ” […] Nei primi anni 2000 alcuni giornali cominciarono a “pompare” la cosiddetta “pista palestinese” in contemporanea con la campagna “innocentista” a favore dei due condannati come colpevoli della strage: Giusva Fioravanti e

Continua a leggere

Immigrazione/emigrazione – Contributo per un dibattito all’interno della piattaforma Eurostop

Leggi sul computer, leggi su Issuu, oppure Scarica il file per l’autostampa Non ci sono le porte dell’Europa e poi il mondo, così come nella edificazione del polo imperialista europeo non ci sono frontiere e identità nazionali che tengano. Nel capitalismo la forza lavoro è una merce che va dove ce ne è richiesta. Il capitalismo anche in questo campo produce

Continua a leggere

Bologna. Le istituzioni fanno le pentole ma non i coperchi

Durante l’anno scolastico appena conclusosi associazioni cattoliche integraliste in difesa della famiglia, appoggiate anche da organi della Curia, giornali di destra e movimenti fascisti come Forza Nuova hanno portato avanti una campagna di intimidazione contro l’apertura degli spazi pubblici scolastici ad attività culturali riguardanti l’educazione all’affettività e alla sessualità, colpendo sistematicamente le maestre delle scuole elementari di San Pietro in

Continua a leggere

G7 Taormina, La repressione si inasprisce. Solidarietà ai compagni di Catania

Pubblichiamo il comunicato unitario contro le misure repressive messe in campo nei confronti di attivisti politici ed esponenti del sindacalismo conflittuale a Catania, la tempestività delle indagini ci dice molto su quello che è il clima dell’isola dove oggi inizia il G7. Di seguito il comunicato: Compagni e attivisti vengono pesantemente colpiti con denunce, multe e intimidazioni. I provvedimenti restrittivi, penali

Continua a leggere

Bologna, condannarci o ucciderci

Continua la lista di denunce e condanne che stanno venendo notificate in queste settimane ai danni delle lotte sociali e del sindacalismo conflittuale in questa città. Come nelle precedenti occasioni, anche questa volta nostri militanti coinvolti nel dispositivo repressivo. Ma l’evenienza è oggi infame più che mai: la protesta imputata si realizzò lo scorso 15 settembre come risposta immediata alla

Continua a leggere

Repressione PD contro la resistenza di via Irnerio

Alla vigilia del corteo nazionale del 25 marzo, promosso dalla piattaforma sociale Eurostop contro la celebrazione del 60° anniversario dalla firma dei Trattati di Roma, sono state notificate 32 denunce agli attivisti di AS.I.A-USB, agli occupanti e ai militanti di Noi Restiamo per l’occupazione e la resistenza allo sgombero delle case popolari “Nelson Mandela” e il Centro Studi Occupato TerzoPiano.

Continua a leggere

Martedì 21 marzo. Che fine ha fatto l’università? Ne parliamo con il prof. D’Orsi

Martedì 21 marzo, ore 17.30 Palazzo Nuovo, via Verdi 9 Torino, aula 15 Sempre meno si iscrivono all’università, sempre più vanno a studiare all’estero. CHE FINE HA FATTO L’UNIVERSITÀ? Università d’élite, emigrazione di massa, repressione del dissenso e chiusura degli spazi: dove sta andando l’università? Alla luce dei fatti di Bologna la campagna Noi Restiamo propone una riflessione sui processi

Continua a leggere

Contro ogni revisionismo fascista, solidarietà ad Alessandra Kersevan

Alla vigilia del 10 febbraio, presso la Camera dei Deputati, la storica Alessandra Kersevan ha presentato una lettera aperta al Ministro dell’Istruzione, firmata peraltro da decine di storici e docenti, sulla strumentalizzazione del Giorno del Ricordo e sull’attribuzione di medaglie alle vittime. Dal 2004 questi riconoscimenti, si legge nella lettera, sono stati attribuiti in larga misura ad appartenenti alle forze

Continua a leggere

Alla farsa di Ubertini e Merola hanno risposto migliaia di studenti

Oggi alle 17 corteo cittadino a partire da piazza Verdi, martedì nuova grande assemblea studentesca In tantissimi ieri hanno risposto alla violenza poliziesca permessa dal rettore Ubertini e legittimata da Merola. In meno di 24 ore si sono mobilitati tantissimi studenti a rappresentare tutti coloro che non ammettono la possibilità di assistere allo scempio della celere che entra in una

Continua a leggere

Solidarietà a Lomaz e ai compagni sotto processo

Apprendiamo con rabbia e profonda amarezza la sentenza di condanna a 2 anni e due mesi per Lomaz per gli scontri del 3 novembre davanti alla mensa universitaria. Ricordiamo tutti bene quel giorno, le cariche selvagge della celere, le teste aperte, la caccia all’uomo contro i manifestanti per le vie della zona universitaria, i fermi. Questa assurda sentenza arriva dopo

Continua a leggere
1 2 3 4 5 10