Solidarietà agli antifascisti torinesi!

Questa mattina è scattata a Torino un’operazione di polizia a seguito della quale sei studenti sono stati posti agli arresti domiciliari con il divieto assoluto di comunicare con l’esterno, e una studentessa è stata sottoposta all’obbligo di firma quotidiana in commissariato. Oggetto dei provvedimenti imposti ai compagni sono diversi episodi di contestazione antifascista e antirazzista avvenuti a marzo e novembre

Continua a leggere

Bologna, “the day after”

Una giornata di lotta importante quella di ieri, in cui si è sostanziato un passaggio necessario a cui tutti noi abbiamo lavorato in queste settimane, intenzionati a costruire una presenza importante di quei soggetti politici nazionali consapevoli dei tanti fronti della lotta di classe, risucendo a collegarli in una piazza animata dai semi del blocco sociale conflittuale felsineo. Un momento

Continua a leggere

Una riflessione sulla strategia della tensione e sul terrorismo di Stato in Turchia

Ieri al Terzo Piano di Via Irnerio a Bologna è stata organizzata – ospite Marco Santopadre  di Contropiano – un’iniziativa per provare a far luce sul contesto mediorientale dopo la strage di Ankara. Un tentativo di tracciare un bilancio della vicenda curda e turca a partire da un parallelismo tra i fatti che stanno in questi mesi scrivendo la storia

Continua a leggere

Strage in Turchia: come ieri in Italia la mano è fascista, la mente è dello stato #katildevlet

La strage di manifestanti scesi in piazza ad Ankara sabato mattina per chiedere allo stato turco la pace immediata e la cessazione del conflitto contro il popolo curdo, ricorda molto da vicino una strategia spesso usata da molti governi per combattere un nemico interno e per creare il panico tra la popolazione. Quella che in Italia è stata definita “strategia

Continua a leggere

Torino non si lega

Sabato 28 febbraio la Lega Nord ha organizzato una manifestazione a Torino per chiedere lo scioglimento della giunta regionale a maggioranza PD guidata da Sergio Chiamparino, per via di un presunto scandalo legato alle firme false per la presentazione delle liste elettorali. Ancora una volta Salvini ed i suoi cercano di presentarsi come l’unica alternativa al PD e alle sue

Continua a leggere
1 2