Il pesante fardello del cigno nero

All’inizio di questa emergenza abbiamo descritto il coronavirus come un cigno nero capace di produrre una demarcazione tra il prima e il dopo, rendendo possibili politiche che fino a ieri sembravano irrealizzabili, ma che nel contesto emergenziale diventano non solo necessarie ma anche indispensabili per la salute e la sicurezza dei cittadini. In queste settimane il governo ha messo in

Continua a leggere

Restare per lottare! Un contributo dal sud

Introduzione Siamo i giovanissimi, i meno giovani, studenti, precari, quelli del lavoro sommerso, gli sfruttati, quelli dei contratti fasulli o degli stage, quelli che devono accumulare esperienza, quelli che addirittura sono costretti ad emigrare, o che vengono etichettati come neet, perché a volte anche occupazioni disagianti e spregianti di qualsiasi dignità sono complicate da trovare a casa propria. Casa propria,

Continua a leggere

Covid-19 e diritto allo studio, le nostre richieste!

La diffusione del Covid19 ha fatto emergere con più forza moltissimi problemi presenti nella nostra società che attanagliano in particolare le giovani generazioni. Un mese fa abbiamo iniziato una campagna di mobilitazione per il blocco degli affitti e utenze per giovani studenti e precari perché con l’inizio della quarantena moltissimi di noi hanno perso il lavoro e, dato che dal

Continua a leggere

BLOCCHIAMO LA VALUTAZIONE DELL’ESAME DI MATURITA’ E I TEST DI INGRESSO ALL’UNIVERSITA’

Con l’emergenza sanitaria legata alla diffusione del Coronavirus in Italia sono venute al pettine le contraddizioni che questo sistema si porta dietro da anni, segnando nettamente un prima ed un dopo, e preannunciando un impatto impressionante su tutto il sistema economico-sociale che si sta mostrando incapace di gestire la situazione. Anche nell’ambito della formazione la crisi attuale ci dimostra che

Continua a leggere

Il trecento e la contraddizione tra forze produttive e rapporti sociali di produzione

Per un’analisi materialista della peste del trecento, quattro appuntamenti di analisi materialista dell’epidemia nel trecento. Contributo prodotto in occasione dell’iniziativa “Epidemie detonatrici” organizzata dalla Rete dei Comunisti sabato 4 aprile 2020, Video completo. Parte 1 La Storia e la Peste: Un quadro teoricoParte 2. Appunti per un’analisi di classe delle società precapitalistiche Parte 3. Il trecento e la contraddizione tra forze produttive

Continua a leggere

LA SCIENZA È UN CAMPO DI BATTAGLIA

In questi ultimi giorni, la diffusione del Coronavirus a livello nazionale sembra registrare una diminuzione diffondendo un senso di speranza sul fatto che il peggio sia passato. Tuttavia, al momento non si è ancora trovata la cura al virus Covid-19, ma solo un modo per rallentare i contagi e i decessi, ossia attraverso l’isolamento forzato di massa, il quale però

Continua a leggere

Siamo in crisi da una vita. Lettera aperta di una studentessa di economia.

Sono una studentessa di economia, una dei tanti giovani che si sente inerme davanti a quello che sta accadendo in questi giorni nel nostro Paese. Sono cresciuta in un mondo dell’istruzione che aveva sempre il fiato corto, per carenza di risorse, di insegnanti, con aule sovraffollate e strumenti inefficienti per delle lezioni adeguate. Ora abbiamo le lezioni online e a

Continua a leggere

La crepa nel soffitto. La crisi dei valori nel capitalismo del XXI secolo

Ci sono momenti nella storia in cui sopraggiunge un evento inaspettato, capace di segnare un prima e un dopo il suo arrivo. Il “cigno nero” che si è presentato nelle vesti del Coronavirus sta rapidamente rimettendo in discussione tutti i pilastri sui quali si fondava la nostra società. Già nei giorni scorsi, a più riprese, abbiamo sottolineato come per far

Continua a leggere

Il circolo vizioso tra bassa istruzione e povertà

In questo nuovo articolo della rubrica di Equilibrio Precario vogliamo occuparci della connessione tra disuguaglianze sociali ed istruzione andando a decostruire una narrazione dominante che presenta il mondo della formazione come fondato su una brillante meritocrazia che premia sempre i più bravi e “giustamente” lascia indietro chi non ha le “skills” per affrontare un mondo del lavoro flessibile che richiede

Continua a leggere
1 2